Chi può donare il sangue

Si può donare sangue se si hanno almeno 18 anni, se si pesa almeno 50 kg, se al momento della donazione si ha una pressione minima tra 50 e 100 e una massima tra 110 e 180 mm HG; se si ha un polso non aritmico e con una frequenza tra 50 e 100 pulsazioni al minuto e se si ha un’emoglobina almeno di 13, 5 grammi % cc. nell’uomo e 12, 5 nella donna (tranne per i microcitemici, per i quali è ammesso anche un valore lievemente più basso di emoglobina). Non può donaresangue chi soffre di malattie ematologiche, autoimmunni, tumorali non benigne, cardiovascolari, renali, respiratorie gravi (polmoniti, pleuriti, broncopolmoniti), dermatologiche, endocrine (quale il diabete dipendente da insulina), e allergiche nella fase di crisi. Non possono, inoltre, donare sangue coloro che negli ultimi quattro mesi hanno subìto trapianti di tessuti, piercing, tatuaggi, endoscopie, trasfusioni, convivenze con epatici e vaccinazioni antirabbiche. Non possono donare sangue nemmeno le donne in gravidanza fino a un anno dopo il parto, chi ha perso oltre il 10% del proprio peso corporeo negli ultimi sei mesi.

Infine vi sono alcuni criteri di esclusione dovuti a comportamenti a rischio, quali:abitudini sessuali libertine; assunzione di droghe per endovena; rapporti omosessuali con più partner; rapporti sessuali non protetti con partner non abituali; epatite o ittero in soggetto non immune; malattie veneree o positività per i seguenti test: sifilide, AIDS, antigene Australia, Epatite B o C; rapporti sessuali con persone nelle condizioni sopra citate.